Categorie: Cloud

Nei nuovi ecosistemi IT orientati al modello di cloud ibrido, la capacità di orchestrare gli ambienti e le risorse non solo porta un grande vantaggio, ma diventa un requisito obbligatorio al fine di assicurare l’efficienza e la sicurezza di tutti gli asset IT aziendali.

 

Hybrid cloud per ecosistemi IT efficienti e flessibili

Il paradigma hybrid, che integra nuvole pubbliche e private, rappresenta oggi la risposta più efficace per soddisfare le esigenze di sicurezza dei dati, scalabilità di servizi, elevate performance, continuità di business, ottimizzando i processi e garantendo il controllo dei costi.

Sostanzialmente il cloud ibrido consente di estendere in modalità sicura ed economicamente conveniente le strutture ICT aziendali con l’aggiunta di un ampio portfolio di servizi ready-to-use all’interno di contratti a consumo.

Tipicamente, l’azienda potrà mantenere in casa le applicazioni di prossimità che governano ad esempio l’impianto produttivo, avvantaggiarsi del modello di private cloud per le applicazioni critiche ed utilizzare quello pubblico per le applicazioni commodity o per tutte le applicazioni di collaboration, godendo di maggiore flessibilità, pagando le risorse solo qualora necessario e delegando la gestione dell’intero ciclo di vita degli asset al provider.

Gli ambienti ibridi offrono all’IT aziendale un ruolo più strategico e di orchestrazione, dispensandolo da molti tra i compiti più operativi e routinari, come l’aggiornamento dei software o la manutenzione dei sistemi hardware. Il personale interno potrà quindi avviare un nuovo e più importante processo di crescita professionale negli ambiti di innovazione aziendale come l’IoT, il Customer Engagement, l’intelligenza artificiale, la multicanalità. Ambiti in cui l’adozione ed il corretto uso della tecnologia rivestiranno un ruolo chiave nell’accelerazione della crescita aziendale e nella velocità di risposta alle richieste del business.

 

Come concretizzare i vantaggi del cloud ibrido

Come realizzare questo scenario di efficienza, traendo effettivo vantaggio dall’implementazione e orchestrazione degli ambienti ibridi?

Il primo passo è la mappatura degli asset e dei processi IT esistenti: solo con una conoscenza approfondita dell’attuale ecosistema informativo aziendale sarà possibile individuare eventuali margini di miglioramento ottenibili attraverso la migrazione al modello ibrido.

In secondo luogo, vanno intercettate le risorse hardware e le applicazioni che possono ottenere i maggiori ritorni con il passaggio al modello di cloud. Quindi si passa alla selezione del cloud provider valutando una serie di requisiti: affidabilità delle infrastrutture sia a livello di sicurezza (fisica, logica e operativa) che di prestazioni ed affidabilità (resilienza); efficacia dei Service Level Agreements a garanzia delle performance e della business continuity; possibilità di personalizzazione del servizio e degli obblighi contrattuali; specializzazione dei servizi per garantirsi la gestione delle applicazioni standard di mercato; competenze per la gestione end-to-end di progetti per la migrazione in cloud.

Altro elemento importante prima della migrazione o dell’implementazione di nuovi servizi cloud, tutti i processi e gli asset aziendali dovranno essere sottoposte a un’attività di razionalizzazione e ottimizzazione. Tale processo può essere attivato anche durante la fase di preparazione in modo da poter affrontare la migrazione sfruttando se possibile l’opportunità di ottimizzazione e di aggiornamento dei software di base.

Tra le premesse indispensabili di un ecosistema hybrid vincente, non può mancare infine la capacità di orchestrazione di ambienti e risorse eterogenee e multi-brand. Un’orchestrazione che passa per quattro leve principali, secondo il framework descritto dall’Osservatorio Cloud Transformation del Politecnico di Milano.

 

Come orchestrare gli ambienti ibridi e multi-cloud

  1. Automation, ovvero dalla possibilità di gestire centralmente e dinamicamente tutte le risorse e gli ambienti che formano l’ecosistema IT aziendale (garantendo ad esempio lo spostamento delle macchine virtuali o la distribuzione degli ambienti applicativi tra diversi cloud oppure controllando da un unico punto l’attivazione e la dismissione dei servizi su qualsiasi nuvola).
  2. L’amministrazione e governance sulle integrazioni a livello applicativo e di dati che intercorrono tra: soluzioni di cloud pubblico multi-brand e ambienti on-site (tecnologie on-premise o nuvole private).
  3. La sicurezza: le soluzioni di protezione (come le tecnologie per la gestione delle identità e degli accessi oppure i sistemi di disaster recovery, business continuity e il monitoraggio delle reti) vanno progettate per coprire con continuità tutti gli ambienti che compongono l’ecosistema IT aziendale.
  4. Il monitoraggio e il controllo esteso e centralizzato di tutte le risorse, indipendentemente dall’ambiente, rappresenta infine l’ultimo punto di attenzione per trarre il massimo vantaggio dall’ambiente ibrido.

Insomma, la governance a livello operativo e strategico è la chiave fondamentale per implementare un ecosistema ibrido, affiancando alla solidità delle soluzioni on-site anche tutti i benefici tipici del cloud computing ovvero: controllo e ottimizzazione dei costi; pagamento a consumo per le risorse pubbliche; flessibilità nelle modifiche all’infrastruttura; sicurezza garantita dal provider (con misure di protezione superiori al piccolo data center locale grazie alla forza delle economie di scala); livelli di performance sanciti dal contratto; IT aziendale libero dalle mansioni manutentive per rispondere prontamente alle richieste del business.

New call-to-action