Categorie: Cloud Manufacturing

Cloud e Industria 4.0 sono due dimensioni tecnologiche strettamente correlate. Lo smart manufacturing, che è uno dei temi fondanti dell'Industry 4.0, si basa infatti sulla capacità di raccogliere, analizzare e ridistribuire dati in grado di descrivere in tempo reale le condizioni dei macchinari, l'efficienza dei processi e la qualità degli output. I dati non si limitano a rappresentare lo status quo, ma correlati tra loro e supportati da serie storiche e statistiche e da informazioni di contesto possono essere utilizzati anche per effettuare analisi predittive, in grado cioè di notificare agli amministratori di sistema potenziali incidenti e disservizi prima ancora che si verifichino. È la cosiddetta predictive maintenance, una delle discipline più affascinanti e promettenti del sempre più vasto ambito applicativo dell'Industria 4.0.

 

Perché l'Industria 4.0 ha bisogno del cloud

Sarebbero di per sé già ottime ragioni per cui considerare la tutela e la protezione dei dati dei task strategici per il mondo manifatturiero. Ma c'è di più. Con l'automazione spinta e con la sempre maggiore integrazione delle digital supply chain, i dati cessano di essere elementi puramente descrittivi e diventano a tutti gli effetti il carburante delle attività produttive e i punti cardinali delle mappe su cui si snodano le catene di approvvigionamento. Perdere anche solo una minima porzione di queste informazioni può quindi portare a fermi macchina o interruzioni della filiera del valore, con pesanti danni sia sul piano dei ricavi sia su quello della reputazione. Ecco perché garantire adeguati livelli di cyber sicurezza e prevedere sistemi di backup efficaci significa assicurarsi la continuità operativa. Ed è il cloud, ad oggi, la soluzione che consente di accedere, in modo flessibile, alle migliori tecnologie in questi ambiti. Vediamo come.

 

Cyber sicurezza e data protection: il cloud offre soluzioni sempre state-of-the-art

Come ormai tutti sanno, innanzitutto, quello della cybersecurity è un tema universale: dove ci sono dati, c'è valore. Dove c'è valore, c'è purtroppo anche qualcuno disposto a fare qualunque cosa pur di impossessarsene. Ecco, quindi che gli attacchi informatici si moltiplicano, sia attraverso iniziative generalizzate e opportunistiche, sia attraverso azioni mirate, probabilmente le più pericolose.

In questo senso, fare affidamento su strumenti logici tradizionali per la tutela dei dati è un approccio poco efficace. Le minacce, infatti, si evolvono a ritmi incessanti, le intrusioni si fanno sempre più sofisticate e il mondo manifatturiero non può permettersi di scoprire un data breach o un furto di dati giorni o addirittura settimane dopo che è stato sferrato l'attacco. Portare dati e applicazioni sul cloud vuol dire farli girare all'interno di ambienti sicuri e comprovati, caratterizzati dalle tecnologie state-of-the-art che i provider mettono in campo per ottemperare a norme sulla data protection che, a partire dal GDPR, non ammettono deroghe.

Il cloud, inoltre, può aiutare le imprese a implementare le strategie di cyber security fornendo l'accesso a soluzioni di vendor specializzati che, in misura sempre maggiore, allargano la propria offerta verticalizzandola sul settore manifatturiero e rendendola disponibile in modalità as-a-service.

 

La “Continuous Data Protection” (CDP) come scudo della continuità operativa

Anche disponendo di soluzioni di cybersecurity efficaci, i cyber attacchi non potranno mai essere scongiurati del tutto. L'errore umano è infatti un fattore comprimibile ma purtroppo ineliminabile, ed escludere al 100% gli effetti delle attività criminali informatiche o di semplici incidenti operativi è impossibile. Ecco perché è necessario prevedere anche meccanismi di salvataggio e ripristino dei dati. In caso di perdita di informazioni, il sistema di CDP interviene sui flussi di lavoro riducendo al minimo i tempi di fermo macchina o, nella migliore delle ipotesi, impedendo agli utenti persino di accorgersi del disservizio intercorso. Ancora una volta, è il cloud che viene in soccorso dell'Industria 4.0. Come? Permettendo di coniugare capacità di storage, workload dedicati e dashboard per governare le policy di protezione e retention dei dati all'interno di soluzioni chiavi in mano, tanto facili da attivare quanto da gestire.

CTA-white-paper-business-resilience